Andrea Tempo – Natural Born Diggers #01

tempo-nota

“Per capire una donna devi guardare dentro la sua borsa” recita l’infinita saggezza di Internet (mentre in altri casi la stessa saggezza si esprime con l’equivalente “per comprendere davvero qualcuno devi aprire il suo frigorifero”). Ci sono cose che scegliamo e che decidiamo di portarci dietro, in modo quasi inconsapevole, perché sentiamo che ci appartengono più di altre cose: c’è chi porta sempre con sè un libro, chi lo stappa bottiglie, chi della frutta, chi un set di cacciaviti o coltelli (!), la foto dei propri nonni eccetera eccetera. Questa roba definisce in modo esatto ciò che siamo ed è in grado di dire molto su di noi, più di quanto farebbe la nostra descrizione Tinder o nostra nonna alle sue amiche di burraco.

Per i DJ, molto probabilmente, questo discorso vale ancora di più: dimmi che dischi ti porti dietro e ti dirò chi sei. Un/una DJ che apre la sua record bag è una persona che sta aprendo il suo cuore rivelando quelli che sono i suoi sentimenti più cari: sta tracciando il suo profilo artistico in modo molto più preciso ed attendibile di come farebbe un numero imprecisato di parole.

 

 

Indi per cui abbiamo chiesto ad Andrea Tempo, prossimo ospite di NEO il 24 Febbraio al Beat Cafe, di indicarci quali sono le tracce che porta sempre con sé, nel suo “bagaglio”, in senso sia letterale che figurato, e che tracciano le sue coordinate stilistiche come DJ e come appassionato.

 

1. “303 Sunset” – Underground Resistance
(Underground Resistance – 1991)

 

2. “Ma Foom Bey” – Cultural Vibe
(Easy Street Records – 1986)

 

 

3. “Dimensional Glide” – Transllusion
(Supremat – 2001)

 

 

4. “Missing You” (Original) – Larry Heard
(Alleviated Records – 2010)

 

 

5. “Where’s Jason’s K” – Syclops
(DFA – 2008)

 

 

6. “Love Tempo” – Quando Quango
(Factory – 1983)

7. “Go Bang!” – Dinosaur L
(City Beat – 1988)

8. “Danger Zone” – Midnight Express
(Tri-Fire Records/Peoples Potential Unlimited – 1983)

9. “Let’s Ride” – Junei
(Peoples Potential Unlimited – 1987)

10. “Those Moments” – Moon B
(Peoples Potential Unlimited – 2014)

Beh, ora che sapete chi è Andrea Tempo non vi rimane che venirlo ad ascoltare Venerdì al Beat Cafè, dove ci dirà sicuramente di più.

 

NEO – New Electronic Order